Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri/pokestudio/arcticbay/Sources/Load.php(225) : runtime-created function on line 3
Diamond/Pearl: L'Analisi Continua
Arctic Bay
News: Pokestudio Server chiude. [LINK]
   
*
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati. Ottobre 31, 2020, 19:29:01


Login con username, password e lunghezza della sessione


Pagine: [1]   Vai Gi¨
  Stampa  
Autore Topic: Diamond/Pearl: L'Analisi Continua  (Letto 1046 volte)
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
g_f
16 Avvertimenti
Builder d'╔lite
╔lite Trainer
*
Offline Offline

Posts: 12387



Guarda Profilo WWW
« il: Giugno 29, 2008, 18:35:20 »

Prima che inziate a leggere questo articolo, vi rimando alla prima guida al Metagame OU di DP. E' infatti importante per comprendere al meglio questa guida il fatto che ne conosciate la prima parte.



DP E' L'AMERICA!



Esattamente, DP Ŕ proprio l'America. Come la leggendaria America era stata, per gli emigranti italiani del XIX e XX secolo, una terra di promesse ed una nuova frontiera, cosý DP si Ŕ posta davanti al battling competitivo: ed Ŕ cosý che molti battler italiani della vecchia guardia si sono lanciati a provare il nuovo metagame e tutte le sue promesse. Nintendo sembrava aver fatto le cose in grande, con un effettivo accrescimento dell'usabilitÓ degli high tier UU nel metagame superiore: nuove mosse, nuovi PokÚmon, un metagame pi¨ veloce ed offensivo, il ritorno del ladder sul neonato simulatore. Ma ben presto un metagame che sembrava farsi sempre pi¨ feroce, forse troppo, aveva finito per stancare le persone abituate ai ritmi pi¨ tranquilli di RSE. DP sembrava essere un RSE molto, molto pi¨ team-based; la nuova velocitÓ e forza del gioco limitavano le possibilitÓ di stall, portando cosý tutti quanti ad orientarsi ad uno stile di gioco rischioso, che aveva perso di spettacolaritÓ; non c'era pi¨ bisogno di predictare quando si poteva attaccare, attaccare, attaccare e vincere; counterare gli avversari diventava sempe pi¨ pericoloso, meglio sacrificare un PokÚmon e procedere con il revenge kill. Mindgame che risultavano controproducenti e limitata flessibilitÓ in lotta erano diventati cosý i primi motivi che avevano spinto parte di quella che era stata l'Úlite italiana di RSE ad iniziare un controesodo verso NetBattle ed RSE; tra i vecchi giocatori italiani, quelli che oggi sono schierati dalla parte di DP non lo sono in maniera decisa, ma preferiscono assumere una posizione moderata, ben sapendo che DP Ŕ il presente, il metagame che ancora avrÓ un'evoluzione, mentre il periodo di splendore di RSE Ŕ pressocchÚ terminato, non tanto per scelta nostra, quanto della comunitÓ internazionale. Ed Ŕ cosý che il NBBC e la PokÚmon Academy dell'Arctic Bay si prefissano di dare a voi, che approcciate oggi il mondo del battling competitivo, una preparazione solida e completa sul nuovo metagame, ma senza dimenticarci del passato.



Un Ritorno deciso ad RBY



I legami tra RBY e DP sono facili da notare; giocatori esperti di RBY sanno bene che un Tauros fortunato (ed i Tauros SONO fortunati, in RBY) Ŕ praticamente infermabile, quasi sulla soglia del gamebreaking, al punto che praticamente ogni team RBY serio ha un Tauros al suo interno. Eppure Tauros non Ŕ bannato, perchÚ, sempre secondo gli esperti RBYer, la prima generazione offre un gioco che punta meno delle successive su una strategia comune, ma ogni PokÚmon di cui Ŕ costituito il team rappresenta di per sÚ stesso una strategia da applicare per ottenere l'obiettivo finale: ma se Tauros rappresenta di per sÚ il late-game sweeping, come Ŕ, appunto, possibile fermarlo? Oggi, in DP, non parliamo di Tauros, ma quello che era il ruolo di Tauros Ŕ ora di Garchomp, o di Lucario; come per RBY, tante piccole mini-strategie ricadono all'interno di un team, l'individualitÓ Ŕ pi¨ forte e, se anche Ŕ vero che una grande strategia unificante (fatte anche di cinque o pi¨ passaggi logici, in maniera non differente da GSC o RSE) pu˛ essere costruita e messa in atto, l'individualitÓ torna davvero a contare molto di pi¨, con sweeper pi¨ forti che in passato che possono davvero entrare in campo e distruggere senza richiedere una complicata strategia nÚ un eccezionale numero di PokÚmon e mosse di supporto al loro sweeping. Questo riduce ovviamente il divario tra i giocatori e quindi la competitivitÓ del metagame, l'impegno con cui ci si applica al gioco per migliorarsi conta di meno che in passato adesso che missare l'Ice Beam cruciale su Garchomp Outrager significa, con ogni probabilitÓ, aver perso il match.

Ora tuttavia, non lasciatevi scoraggiare dalle mie parole, DP non Ŕ un metagame da disprezzare; la varietÓ che introduce (nelle mosse, nei PokÚmon usabili), la molteplicitÓ delle strategie che possono di fatto essere trovate, oltre al solito banale TSS, la sfida di creare un team funzionale che possa difendersi dalla threat list e dall'imprevedibilitÓ che caratterizza la quarta generazione, dovrebbero essere notizie accolte in maniera positiva da chi desidera competere in PokÚmon, e farlo ad alti livelli.
Loggato

Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2008, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap

Creative Commons License
PokÚstudio ę Copyright 2003-2015 Ŕ pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Arctic Bay Ŕ un forum dedicato ai PokÚmon senza alcun fine di lucro.
LO-FI Version
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido! Dilber MC Theme by HarzeM
Pagina creata in 0.019 secondi con 21 queries.

Google ha visitato per ultimo questa pagina Luglio 08, 2020, 19:10:57
Login